Guardando al 2020

02/12/2019

Il 2019 volge precipitosamente al termine mentre già il nuovo anno si profila all’orizzonte. Un anno, il 2020, che si preannuncia assai interessante per i donatori di sangue. Innanzitutto l'avvenuta posa della prima pietra del nuovo ospedale ci fa guardare con fiducia al futuro del Policlinico e della nostra Associazione (https://intranet.policlinico.mi.it/news_intranet/2019-11-28/1334/nuovo-policlinico-ecco-come-sara-guarda-il-video). 
Inoltre l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha designato l’Italia ad ospitare l’evento globale dell’edizione 2020 del World Blood Donor Day ossia la Giornata Mondiale del Donatore di Sangue, prevista come ogni anno il 14 giugno. Proprio per questo tutti gli attori del sistema (Ministero, Centro Nazionale Sangue, Associazioni di pazienti e donatori) sono impegnati a promuovere la donazione di sangue in ogni ambito e con ogni mezzo. 
“È presto, penserete voi, per parlarne.” In realtà, seguendo il suggerimento dell’OMS, la nostra Associazione desidera che questa festa diventi davvero la festa di tutti i donatori.
In quest'ottica vorremmo non solo celebrarla ma prepararla insieme a voi. Vorremmo scegliere un percorso condiviso per la campagna di comunicazione ed eventuali altre iniziative che ci aiutino a portare all'intera comunità il messaggio che la donazione di sangue è un gesto di civiltà utile all’intero Paese. Il sangue infatti, come non ci stanchiamo mai di ripetere, non si produce in laboratorio e non è disponibile sul mercato, ma proviene solo dall’essere umano e, se il sangue manca, tutta la medicina, tutta la sanità si ferma. All’unicità della sua fonte dobbiamo aggiungere il significato di grande valenza sociale della donazione di sangue perché solo una società attenta e generosa con i suoi cittadini più deboli, in primis i malati, può essere libera e civile. L'articolo del professor Girolamo Sirchia bene illustra l’importanza del dono per la società. 
Dato che la Giornata Mondiale del Donatore di Sangue cade di domenica, vorremmo celebrare questa ricorrenza sabato 13 giugno con i donatori premiati e con le autorità dell'Ospedale, dell'Università e dell'intera città. E nella speranza che la proposta venga accolta favorevolmente, vorremmo dedicare a tutti i donatori la festa del 14 giugno, con un incontro conviviale a base di prodotti genuini e di ottima qualità presso una delle aziende agricole dell’Ospedale Policlinico in zona Barona. Nell’occasione non mancherà uno speciale risotto preparato con ‘il riso Ca’ Granda’, il riso della ricerca.
Proprio di questo tratta l’articolo di Davide Del Corno, mentre al fine di rispondere alla crescente necessità di una alimentazione più sana e genuina, e per aiutarci nella ricerca di prodotti della terra ‘a chilometro zero’ anche nella nostra città, ecco gli articoli di Alessandra Bagnasco ed Erica Zane.

Anna Parravicini
Direttore Scientifico

Top