Campagna Promozione sui mezzi ATM

14/07/2017

Chi viaggia sui mezzi pubblici milanesi avrà sicuramente notato la presenza, in metropolitana, tram e bus, di messaggi di promozione della donazione di sangue presso il Centro Trasfusionale del Policlinico di Milano.
La campagna di sensibilizzazione, partita il 1 luglio 2017, è il risultato della collaborazione di diverse realtà che hanno saputo fare rete per un obiettivo sociale comune, quello di trasmettere l’elevato valore civico della donazione di sangue: un gesto che riguarda e unisce tutti, indipendentemente dall’etnia o dal paese di provenienza.
Nella realizzazione del progetto, la nostra Associazione è stata in grado di creare una sinergia tra attori provenienti da mondi diversi che solo raramente si ritrovano a dialogare tra loro, come quello del non-profit, quello aziendale e quello della scuola.
Ogni protagonista, infatti, ha messo a disposizione della nostra Associazione risorse o competenze, a seconda della propria missione.
Per il mondo del non-profit, dobbiamo dire grazie alla Fondazione Banca del Monte di Lombardia (http://www.fbml.it) per aver destinato i fondi da utilizzare per la realizzazione del progetto grafico e di stampa dei manifesti pubblicitari.
Per quanto riguarda la realtà aziendale, invece, il nostro interlocutore è stato Igp Decaux (http://www.igpdecaux.it), un’azienda che si occupa di comunicazione esterna e che, da alcuni anni, nel periodo estivo, ci dona gli spazi pubblicitari sui mezzi pubblici milanesi.
Infine, per l’ideazione dei poster pubblicitari abbiamo coinvolto gli studenti della scuola di arti grafiche Artigianelli di Milano (http://www.istitutoart.it/) che, non solo hanno avuto modo di approfondire le proprie conoscenze sull’importanza della donazione di sangue, ma hanno anche avuto la possibilità di mettere a frutto la propria creatività e le competenze apprese nel percorso di studio per un progetto concreto.
Se, da un lato, lo scopo principale della nostra campagna pubblicitaria è quello di diffondere sempre più la cultura della donazione di sangue e, di conseguenza di aumentare il numero di unità raccolte in un periodo, come quello estivo, caratterizzato da una costante carenza di donatori; dall’altro lato la speranza è anche quella di avere dato avvio a un circolo virtuoso in cui realtà economiche diverse possano continuare a collaborare anche in futuro per progetti di elevato valore civico e morale.

Lisa Giupponi
 

Top