Approfondimenti

15/03/2018
La stagione degli imperdibili 6

Vi è ormai ampio accordo nel mondo scientifico sul fatto che molte delle malattie oggi più frequenti siano in rapporto con il tipo di alimentazione e gli stili di vita, primo fra tutti, il fumo. Negli ultimi decenni il modo di alimentarci è cambiato in senso quantitativo e qualitativo molto velocemente. Le conseguenze di questo atteggiamento hanno rappresentato purtroppo un incremento delle malattie cronico-degenerative che costituiscono oggi un’importante causa di morbilità e mortalità. Se da un lato spesso mangiamo troppo, troppo in fretta e abusiamo di cibi decisamente poveri da un punto di vista qualitativo, dall’altro contempliamo un ridotto apporto di fibre grezze e una sovrabbondanza di proteine, grassi animali e sale. La frenesia della quotidianità, i pressanti impegni che ormai, inevitabilmente caratterizzano la vita giornaliera di tutti, portano a ricorrere nell’arco della giornata a prodotti pronti, addizionati, talvolta, con additivi alimentari e a consumare pasti frugali all’insegna della praticità e della velocità. Proprio per questo motivo, potrebbe essere interessante, al termine di un’impegnativa giornata, facendo ritorno a casa, nell’intimità delle mura domestiche, dedicare un po’ di attenzione alla nostra alimentazione, come gesto di amore verso noi stessi e i nostri cari, valorizzando alcuni alimenti che non sempre godono della giusta considerazione: i vegetali.
“Vegetale” termine di derivazione latina (da vigor = vigore, forza, prestanza) che da solo sarebbe sufficiente a confermare l’importanza di tali componenti nei nostri menù quotidiani. Le verdure rappresentano, infatti, un prezioso scrigno che racchiude un tesoro di elementi preziosi per il benessere di tutto l’organismo. Decisamente ricche di clorofilla (sostanza simile per composizione a quella del plasma umano) acqua, sali minerali, vitamine, glucidi e fibre, stimolano tutte le funzioni dell’organismo migliorandole, allontanando i processi ossidativi e tenendo a bada l’invecchiamento, ognuna con il proprio e singolare contenuto nutrizionale. L’asparago con le vitamine C e A, calcio, fosforo e potassio; le bietole con la vitamina A, ferro e potassio; la carota con la vitamina A; il peperone e il pomodoro con la vitamina C; il cavolo con le sue proprietà anticancerogene e tutti gli altri vegetali con il loro bagaglio insostituibile di sostanze nutritive e salutari. Per trarre il massimo vantaggio dal consumo di frutta e verdura è sufficiente tenere presenti alcuni piccoli accorgimenti preferendo prodotti che provengono da coltivazioni esenti da concimi chimici, diserbanti e anticrittogamici, ma soprattutto valutando con attenzione la provenienza degli ortaggi.
Evitare il consumo di frutta e verdura fuori stagione, oggi le cosiddette primizie non esistono più, siamo stati privati del piacere di consumare le fragole in primavera, dell’uva in autunno e dei pomodori in estate, proprio quando il nostro organismo aveva più bisogno dei loro preziosi nutrienti. Cerchiamo quindi di ritornare alla vecchia normalità.
Evitare cotture inopportune dato che l’azione del calore tende ad alterare la composizione dei vegetali, riducendo o eliminando del tutto alcune vitamine e sali minerali, oltreché inattivare parte degli enzimi presenti.
Evitare manipolazioni profonde, quali affettare, grattugiare o spremere parecchio tempo prima del consumo, dato che l’ossigeno e la luce sono due potenti agenti ossidanti in grado di inattivare sostanze positive per la salute.
Evitare scelte monotone o monotematiche, ricordando che ogni verdura custodisce proprietà e principi nutritivi propri tutti importanti per il raggiungimento di uno stato di benessere fisico e psichico.

Ecco i 6 imperdibili della stagione
Aglio
. Cui sono attribuiti proprietà sin dall’antichità. Particolarmente ricco di sali minerali, oligoelementi e vitamine, considerato un vero e proprio alimento-medicamento, con importante funzione preventiva nei confronti di molte patologie.
Carciofo. Menzionato spesso dai greci, alimento pregiato per i romani, agisce in maniera positiva su fegato e reni, migliorandone la loro funzionalità. Ricco di vitamine e fibre.
Cavolo. In uso già con i romani che lo consumavano crudo prima dei banchetti per agevolare l’assorbimento dell’alcool da parte dell’organismo. Ricco di vitamine, sali minerali e fibre, con un basso contenuto calorico.
Cipolla. I cui natali sono da ricercarsi in Persia, dove era considerata sacra, risulta un ottimo stimolante per tutte le funzioni organiche, valido antianemico e antibatterico, alimento consigliato anche ai diabetici.
Spinacio. Fonte eccellente di vitamine, minerali e molecole ad azione antiossidante.
Zucca. Con proprietà sedative, rinfrescanti, diuretiche e antinfiammatorie. Ricca di vitamine e sali minerali.

08/11/2017
Il calore del sole è sempre meno intenso, le giornate si accorciano, il freddo inizia a farsi sentire soprattutto nelle prime ore del mattino, mentre colori forti, profumi e sapori...
28/09/2017
Recenti studi scientifici, pubblicati su riviste internazionali, hanno rivalutato sia la frutta disidratata sia la frutta secca, attestando che, se consumate nelle giuste quantità, possono...
03/07/2017
La stagione del sole, con i suoi colori e i suoi sapori, porta ovviamente a cambiare il sistema di alimentazione che ci ha accompagnato durante la stagione fredda e a privilegiare piatti freschi...
18/05/2017
Le giornate assolate finalmente sono arrivate e sentiamo inevitabilmente il desiderio di trascorrere più ore all’aperto. Ecco, allora, che il pensiero corre verso il cesto da pic-nic,...
07/04/2017
La primavera è alle porte con i suoi molteplici colori, sapori e profumi. Tutto è pronto per la rinascita naturale dell’ottimismo e dell’allegria. L’umore finalmente...
Top