Approfondimenti

11/06/2019
Estate voglia di vacanze, sole e aperitivi

L’aperitivo oggi è vissuto come un momento di svago, appagamento o semplicemente di relax da trascorrere con gli amici. Questa abitudine diffusa soprattutto fra i giovani in realtà esiste da secoli, anche se oggi è contraddistinta da diverse terminologie e accompagnata con nuovi vocaboli come finger food, apericena o aperilight, happy hour.
L’aperitivo, infatti, è un rito tutto italiano che nasce a Torino nella seconda metà del 1700 in coincidenza con la creazione del vermouth e caratterizza un modo di stare insieme, rilassarsi e chiacchierare che è apprezzato anche ora, in un mondo dove si comunica sempre più in maniera virtuale. L’aperitivo, un’opportunità di incontro che diventa un'esigenza contrassegnata dal desiderio di stare tra amici, di socializzare o semplicemente di conversare nella maniera più tradizionale. Un momento che, in più di un’occasione oggi tende a sostituire persino la cena, se presentato con i giusti stuzzichini e pietanze, in alcuni casi addirittura dei veri e propri piatti gourmet. L’aperitivo, per antonomasia, riconduce implicitamente ai cocktail, la cui classificazione più comune fa riferimento all’attimo del loro consumo. Avremo pertanto: i Pre dinner, serviti come aperitivi, alcuni dei quali caratterizzati dalla proprietà di stimolare la salivazione e, di riflesso, l’appetito, con un’aromatizzazione generalmente piuttosto amarognola, gli After dinner proposti dopo cena, contraddistinti da eventuale presenza decisa di alcool, liquori o creme dalla marcata presenza olfattiva e gustativa e gli Any Time adatti a ogni momento, spesso con base alcolica addizionati sovente con soft drink e dolcificati in modo sostanziale.
Le tipologie più comuni spaziano dagli Short, serviti nelle coppette da cocktail ai Medium versati in tumbler bassi e old fashioned oppure ai Long drinks proposti in tumbler alti o bicchieri di notevole capacità, nei quali, in genere, sono presenti succhi di frutta o bevande sodate, ideali, però, per il dopo cena.
Negli ultimi anni in Italia si è diffuso, per fortuna, un forte atteggiamento salutistico, che vede gli italiani più attenti alle scelte in materia di alimentazione, comportamento sociale che alcuni hanno definito “back to basics” (ritorno alla base). Infatti, il riguardo verso il cibo più genuino non è legato solo a determinati regimi dietetici ma diventa un’esigenza di salute finalizzata alla ricerca di uno stato di benessere generale. Già un italiano su tre tende a prevenire l’insorgenza di malattie e disturbi ricercando il giusto nutrimento, trasformando, quindi, questa tendenza alimentare in un vero e proprio stile di vita.  Tale recente, quanto importante nuova visione del cibo, ha introdotto il concetto di Aperilight ovvero l’aperitivo che coniuga il momento del drink con una pausa non solo all’insegna del benessere, ma anche della linea. Di qui la ricerca verso nuove preparazioni appaganti per gusto e vista che non tralasciano, tuttavia, l’aspetto calorico. Infatti, alcuni tra i cocktail più famosi e conosciuti, sovente propongono un contenuto energetico rilevante che, con la quotidianità, può rappresentare un vero e proprio attentato per la linea. Basti ricordare, a titolo di esempio che 120 ml di Margarita corrispondono a 150 kcal circa, 150 ml di Pina Colada a circa 180 kcal, 120 ml di Martini contengono circa 220 kcal, 150 ml di Gin Tonic hanno 120 kcal, mentre 150 ml di Mojto o Caipirinha rendono rispettivamente 200 e 250 kcal, contro le 140 del Negroni e le 80 dell’Aperol Spritz. Benvenuti, quindi, i nuovi Mocktails ossia i cocktail analcolici che ricordano, per aspetto e sapore, i classici cocktail a base di alcool, ma non includono, tra gli ingredienti, i componenti alcolici.
Dunque, via libera al cosiddetto Healthy Drink, il bere salutare, che in molte occasioni permette di sviluppare condivisione e allegria, nonché gratificazione e svago e, nel caso delle ricette che seguiranno, di coniugare il benessere con il gusto, per un’ottimale gestione del tempo libero. Buon aperitivo a tutti!
In allegato qualche gradevole idea per trascorrere le sere d’estate in compagnia.
 
Alessandra Bagnasco

17/05/2019
Con la primavera la natura esce dal torpore invernale e abbraccia i colori e i profumi dei fiori appena sbocciati, delle piante che germogliano, proponendo a tutti il fantastico mondo degli ortaggi,...
15/03/2019
Nel periodo del Carnevale molte città sono invase da maschere e coriandoli; luci e colori creano un'atmosfera allegra e goliardica. Le origini di questa stravagante festa sono antichissime...
22/11/2018
Il granoturco, meglio noto come mais, ingrediente della cucina naturale, è un cereale originario dei Paesi del Sud America. La sua primordiale coltivazione pare abbia avuto luogo in Messico;...
29/10/2018
Ottobre il mese dei mille sapori e degli altrettanti colori. Le giornate ancora belle si tingono di sfavillanti tonalità del marrone che richiamano le calde sfumature del bosco anche nelle...
09/10/2018
Tempo di fine estate, tempo di uva. Questo succoso frutto è uno dei simboli della mediterraneità per eccellenza ed è presente da secoli sulle nostre tavole. Furono i Greci a...
Top