Approfondimenti

02/12/2019
I benefici e le proprietà nutritive dei sapori d’autunno

Settembre, ottobre e novembre sono i mesi maggiormente indicati per consumare tanta ottima frutta e verdura stagionale da cui attingere vitamine e sali minerali essenziali per affrontare in salute l’inverno. Purtroppo, nonostante le grandi possibilità che la natura ci offre, siamo tentati di prediligere sapori che non rispettano né stagionalità né produzioni locali, favorendo sia l’introduzione nel nostro organismo di additivi e conservanti del tutto superflui e sovente addirittura dannosi per la salute, sia l’aumento di gas inquinanti nell’ambiente, generati spesso da lunghi e inutili trasporti. 
Tutti i vegetali d’autunno, utilizzati anche come ingredienti base di piatti complessi, sapranno stupire le persone più scettiche e i palati sopraffini, regalando a tutti la possibilità di un’alimentazione naturale e sana
L'autunno è la stagione migliore per gustare pere e mele, due frutti dalle molte proprietà nutritive. Le mele, ricche di calcio, magnesio, potassio e sodio, contribuiscono a tonificare e migliorare il funzionamento del sistema muscolare, di quello nervoso, intervengono anche nella lotta al colesterolo e ai problemi intestinali. Contengono infatti, in abbondanza, fibre, vitamine e sostanze antiossidanti. La pera, similmente, oltre a un ampio numero di vitamine, apporta al nostro organismo sali minerali, magnesio, ferro, iodio, e presenta proprietà diuretiche e depurative.
I cachi, quei dolcissimi frutti dal bel colore arancione, sono ricchissimi di betacarotene, vitamine e minerali. Esercitano sia un’azione moderatamente lassativa (se consumati ben maturi) che diuretica, agevolando anche le funzioni epatiche. Sono decisamente ricchi di zuccheri, quindi è bene prestare attenzione a un impiego eccessivo in presenza di sovrappeso o malattie metaboliche, quali il diabete.
La melagrana, regina dei frutti autunnali, fascinosa e singolare, protagonista già nella mitologia greca, essendo il primo frutto piantato dalla dea Afrodite sull’isola di Cipro, è apprezzata per il suo potere antiossidante grazie alla massiccia presenza di polifenoli e vitamina C, con effetti astringenti, antidiarroici e gastro protettivi, valida per contrastare l’insorgenza di diabete e colesterolo.
La noce, il frutto secco per antonomasia, rappresenta una ricca scorta di vitamine, sali minerali e grassi insaturi dalle preziose proprietà antiossidanti e antinfiammatorie, come sostengono numerose ricerche scientifiche, non ultimo lo studio dell’ Università della Finlandia, pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition, in cui è dimostrata l’importanza di assumere per restare in forma, un’adeguata quantità di Omega 6 e 3 gli acidi grassi essenziali, che favoriscono il corretto funzionamento delle cellule e del metabolismo. Modeste quantità di questo frutto, visto il notevole apporto calorico, saranno sufficienti per star bene.
L’autunno dei colori e dei sapori è carico anche di uva e castagne.
L’uva: la frutta autunnale per eccellenza ricca di potassio, calcio e fosforo che con le sue sostanze antiossidanti aiuta a ritardare l’invecchiamento di ossa e tessuti. I suoi zuccheri agevolano il recupero energetico mentre le fibre contenute nelle bucce, rappresentano un naturale regolatore intestinale. 
Le castagne, primizie di ottobre, non solo squisite, ma ricchissime di minerali, dal potassio al magnesio e carboidrati, caratteristica quest’ultima, che le rende particolarmente sazianti. In caso di stanchezza o di anemia possono diventare un vero toccasana, di ausilio nel contrastare il colesterolo sono buone regolatrici della flora intestinale. Il loro apporto calorico, simile a quello di pane e pasta, ne suggerisce un consumo moderato in caso di sovrappeso.
Frutti d’autunno davvero salutari: i kiwi, ricchissimi soprattutto di vitamina C rappresentano, con limoni e arance, la frutta ideale da consumare nei mesi freddi. Possiedono sali minerali ed enzimi di supporto nella regolazione del transito intestinale. Ottimi anche per le persone che presentano alti livelli di colesterolo o affette da anemia.
Una curiosità, non del tutto piacevole: siamo i secondi produttori al mondo di kiwi, dopo la Cina luogo in cui sono nati, ma sulle nostre tavole arrivano prevalentemente i frutti esteri provenienti da Cile, Nuova Zelanda, Grecia, Francia, Turchia e Iran. Purtroppo oltre la metà dei kiwi consumati in Italia è importata. Uno spreco assurdo, a totale svantaggio di salute e ambiente, piuttosto ricorrente per alcuni prodotti del migliore made in Italy, come per esempio arance e limoni.
La migliore verdura autunnale: la zucca, con alti livelli di potassio e betacarotene. Le poche calorie che esprime in un sapore dolce e delicato la trasformano in succulenta golosità anche per i più piccoli. Oltre a essere particolarmente buona e gustosa, rappresenta un ottimo antiossidante dalle capacità depurative. 
I topinambur: verdura d'autunno dai mille virtù, tubero ricchissimo di ferro e di vitamine che agevola la digestione, il controllo degli zuccheri nel sangue e gli alti valori di colesterolo. Squisito anche crudo semplicemente aggiunto all’insalata, finemente affettato.
La famiglia dei cavoli, cavolfiori, verze, cavoletti di Bruxelles: un vero rimedio salutare. Con proprietà antibatteriche, allontanano i malanni della stagione fredda e contribuiscono a mantenere giovani e forti tutte le cellule del nostro corpo. Un’anti age naturale, dall’alto contenuto di calcio, vitamina C e potassio!
Le cicorie, un valido aiuto nella stagione invernale sia per i processi digestivi che la depurazione di tutto l’organismo, incluso l’apparato renale, valide regolatrici degli zuccheri nel sangue, Possono essere impiegate anche per la preparazione di decotti dall’azione disinfettante.
Finiamo con gli spinaci, verdura a foglia verde leggermente lassativa e diuretica, buoni apportatori di sali minerali quali potassio, magnesio, rame, calcio, nonché ferro e vitamine.
Grazie, quindi, all’autunno per le preziose bontà che ci propone con la promessa che le trasformeremo in una piacevole abitudine quotidiana a vantaggio della salute e, assecondando i tempi e i saggi ritmi della natura, anche dell’ambiente.

24/09/2019
La saggezza del passato, a volte espressa in pochi ed essenziali versi, spesso offre spunti di riflessione importanti anche per vivere proficuamente il presente e, in riferimento al primo pasto della...
11/06/2019
L’aperitivo oggi è vissuto come un momento di svago, appagamento o semplicemente di relax da trascorrere con gli amici. Questa abitudine diffusa soprattutto fra i giovani in realt...
17/05/2019
Con la primavera la natura esce dal torpore invernale e abbraccia i colori e i profumi dei fiori appena sbocciati, delle piante che germogliano, proponendo a tutti il fantastico mondo degli ortaggi,...
15/03/2019
Nel periodo del Carnevale molte città sono invase da maschere e coriandoli; luci e colori creano un'atmosfera allegra e goliardica. Le origini di questa stravagante festa sono antichissime...
22/11/2018
Il granoturco, meglio noto come mais, ingrediente della cucina naturale, è un cereale originario dei Paesi del Sud America. La sua primordiale coltivazione pare abbia avuto luogo in Messico;...
Top